La classe IV D dell’indirizzo design del legno, coordinata dal professor Giuseppe Di Zanni, con la dottoressa Loredana Acquaviva, ha potuto sperimentare nel biennio scolastico 2016/2017, 2017/2018 un percorso di alternanza scuola-lavoro unico: il restauro del gruppo ligneo della Via Crucis dell’artista Onofrio Soldano, nella parrocchia S. Maria Maggiore di Corato. Questo ha permesso ai ragazzi di conoscere più da vicino le opere artistiche presenti sul territorio, di apprezzarne la bellezza e l’importanza di preservarle dagli assalti del tempo. Per i ragazzi è stata un’esperienza che ha aperto nuovi orizzonti: l’alunna Floriana Rutigliano ha detto che lei ed anche gli altri suoi compagni di classe, prima di questo percorso, non avevano mai pensato al restauro, convinti che solo “il dare forma ad oggetti nuovi, creare” fosse prerogativa dell’indirizzo design e dell’arte in genere, poi, invece, andando avanti nel progetto, hanno scoperto quest’arte esclusiva e preziosa, quella del restauro.

Col tempo, quando si è passati dalle lezioni teoriche alla pratica, andando sul posto, fotografando, analizzando lo stato di conservazione delle tavole e poi mettendosi all’opera, restaurandole, si è scoperta la bellezza e il valore di quest’arte che “ri-crea” le opere antiche e restituisce loro una nuova vita. Grande è stata l’emozione nel vedere le tavole lignee nel loro antico splendore, con i colori di un tempo e senza più tutti quei tarli che rischiavano di distruggerle per sempre. Ora fra i ragazzi di IV D c’è già chi dice che forse da grande farà il restauratore e noi ne siamo fieri perché la nostra Italia, la nostra Puglia, le nostre città, anche negli angoli più nascosti, sono ricche di tesori da conservare e custodire, per salvaguardare nel tempo tutta la loro bellezza.