Cineoperatori, fonici, ciakisti, assistenti alla regia, segretari di edizione sono alcuni dei ruoli che i ragazzi della VA dell’indirizzo Audiovisivo hanno svolto, grazie ad un percorso di Alternanza scuola-lavoro, sul set del film “Il giornalino di Luca” del regista Giuseppe Del Curatolo, tratto dal romanzo omonimo di Francesco Matteuzzi. Oltre a lavorare sul set, gli studenti, si sono occupati anche del casting, della preparazione dello storyboard e delle scenografie e, utilizzando il laboratorio audiovisivo del nostro Istituto, si sono occupati anche del montaggio. Il percorso di Alternanza scuola lavoro, seguito dalle docenti Marilina Nichilo e Patrizia Ricco, è stato co-progettato con la PA.BA. Vision di Paolo Bassi di Trani. Quest’ultimo ha svolto oltre che il ruolo di tutor aziendale, quello di direttore della fotografia del film e di operatore di ripresa.

Si è svolta il 28 maggio 2018, presso il Cineporto di Bari, la premiazione del concorso “Comunicare la letteratura” organizzato dall’associazione culturale “Donne in corriera” di Bari. L’associazione ha donato agli studenti dell’Audiovisivo 12 copie del libro Balzac e la piccola sarta cinese di Dai Sijie Ed. Adelphi, al fine di produrre degli elaborati artistici ispirati al romanzo.

Sono stati gli alunni del Liceo artistico di Corato gli attori della performance partecipata, nell’ambito del Progetto Disagio adolescenziale, tenutosi presso la nostra scuola per dare voce alle emozioni. L’iniziativa, voluta dal Consultorio familiare della ASL, accolta dal Comune di Corato, dall’Assessorato alle Politiche sociali, dall’Assessorato alle Politiche giovanili, è stata rivolta alle Scuole Secondarie II grado della Città di Corato ed ha trovato, nella manifestazione del 6 giugno, un momento di condivisione fra gli studenti delle scuole partecipanti con la presentazione dei rispettivi lavori.

Il video, realizzato dagli allievi dell’artistico, ha voluto essere una sintesi del percorso fatto come esplorazione del mondo interiore dell’adolescente, finalizzato a far emergere vissuti sui quali elaborare il linguaggio espressivo.

Buongiorno a tutti e a tutte, sono un ragazzo di quinto che come voi sta vivendo l’ultimo giorno di scuola. L’unica differenza sta nel fatto che fra tre mesi voi ci ritornerete.
Ora come ora la cosa forse non vi fa piacere ma in un futuro non troppo lontano vi accorgerete di quanto essa vi abbia accolti incondizionatamente. Il nostro liceo ha tutto ciò che un adolescente possa desiderare: provengo da uno scientifico, dopo un anno lì decisi di fuggire disperatamente; venire qui è stata la mia salvezza. Qui ho ritrovato me stesso e sono sicuro che molti di voi possono ritrovarsi in queste parole.

La classe IV D dell’indirizzo design del legno, coordinata dal professor Giuseppe Di Zanni, con la dottoressa Loredana Acquaviva, ha potuto sperimentare nel biennio scolastico 2016/2017, 2017/2018 un percorso di alternanza scuola-lavoro unico: il restauro del gruppo ligneo della Via Crucis dell’artista Onofrio Soldano, nella parrocchia S. Maria Maggiore di Corato. Questo ha permesso ai ragazzi di conoscere più da vicino le opere artistiche presenti sul territorio, di apprezzarne la bellezza e l’importanza di preservarle dagli assalti del tempo. Per i ragazzi è stata un’esperienza che ha aperto nuovi orizzonti: l’alunna Floriana Rutigliano ha detto che lei ed anche gli altri suoi compagni di classe, prima di questo percorso, non avevano mai pensato al restauro, convinti che solo “il dare forma ad oggetti nuovi, creare” fosse prerogativa dell’indirizzo design e dell’arte in genere, poi, invece, andando avanti nel progetto, hanno scoperto quest’arte esclusiva e preziosa, quella del restauro.